Ieri Canon ha annunciato la nuova reflex di punta: la full-frame EOS-1D X Mark II, meno di un mese dopo l'annuncio di Nikon della sua nuova full-frame di punta, la D5 - si può vedere il nostro articolo qui.

Vediamo nel dettaglio le principali differenze con alcuni confronti tra la nuova Canon 1D X Mark II e la nuova Nikon D5 (etichetta Canon / Nikon quando vince una delle due).

  • Sensore: nuovo sensore CMOS da 20.2 megapixel con Dual Pixel AF (il sistema introdotto con la Canon 70D che consente una messa a fuoco più veloce con live view tramite pixel divisi in due). La gamma di ISO nativa è 100-51200, espandibile fino a... 409600 (mi ricordo dei tempi delle pellicole quando 1600 ASA era una sensibilità altissima....).
  • Nuovo sistema di messa a fuoco: la battaglia negli ultimi mesi tra i costruttori di macchine fotografiche spesso si combatte su questo fronte, sulla velocità, precisione, copertura nell'inquadratura della messa a fuoco; è il nuovo fronte di competizione dopo la gara a chi mette più megapixel sui sensori (in realtà la corsa ai pixel non è ancora finita dato che abbiamo visto modelli con 40-50 megapixel ma non è più l'aspetto su cui si punta di più come marketing). La tecnologia Nikon di messa a fuoco è citata varie volte come migliore.
    • Punti di messa a fuoco: l'ultima fullframe Nikon, la D5, ha parametri impressionanti: 153 punti di messa a fuoco, di cui solo 55 selezionabili, con 99 di tipo cross (sensibili alle linee sia orizzontali che verticali) e soprattutto che coprono l'intera inquadratura! Canon doveva in qualche modo rispondere con il nuovo modello di punta. La nuova Canon 1D X Mark II offre 61 punti di messa a fuoco, tutti e 61 selezionabili, di cui 41 di tipo cross e 24% di maggior copertura dell'inquadratura rispetto alla 1D X, quindi molti meno di Nikon ma solo come numero totale (quelli selezionabili sono praticamente equivalenti), ma i numeri non sono tutto, dovremo vedere in campo come si comportano i due nuovi sistemi di messa a fuoco in termini di precisione ed inseguimento dei soggetti in movimento. Nikon
    • In Canon il punto di messa a fuoco centrale è in grado di funzionare fino a -3 EV nella modalità di scatto singolo (non nella raffica dove c'è meno tempo per mettere a fuoco) che vuol dire mettere a fuoco quasi al buio. Nikon arriva fino a -4 EV. Nikon
    • migliorato il sistema di messa a fuoco continuo (chiamato "AI Servo III+" da Canon);
    • estesa la capacità di mettere a fuoco con obiettivi la cui massima apertura è solo f8. Ciò è molto utile quando si usano moltiplicatori di focale, che riducono la massima apertura possibile di uno stop (1.4x) o anche di più. Anche Nikon offre questa possibilità.
  • Esposimetro:
    • introdotto un nuovo sistema con ben 360 mila pixel RBG + infrarosso, che dovrebbe migliorare il riconoscimento dei volti. Sull'esposimetro Canon ha un numero doppio di pixel rispetto alla Nikon D5. Canon
    • nuova funzionalità di scatto in condizioni di luce non costante (lampade fluorescenti, ai vapori di sodio e mercurio come nei palasport) dove lo scatto normale può facilmente incorrere in fotogrammi scuri o con colori falsati (se fatto nel momento in cui l'illuminazione è più bassa per una frazione di secondo), è una peculiarità di Canon che Nikon non ha. Canon
  • Corpo: ovviamente un corpo molto robusto, completamente sigillato anti intemperie con una durata dell'otturatore di almeno 400 mila scatti. Un ampio mirino ottico con una sorpresa: l'iiluminazione del punto di messa a fuoco è configurabile come intensità e può rimanere acceso dopo la prima messa a fuoco per ricordarsi dove si è messo a fuoco - era una richiesta dei fotografi di matrimoni. 2 comparti per le schede di memoria: uno per Compact Flash e uno per CFast, che è il nuovo standard ad alta velocità come evoluzione delle Compact Flash.
  • Display LCD: più grande della versione precedente - ora 3.2 pollici - e con 1.6 megapixel, la differenza in meglio è evidente ma è una risoluzione inferiore a quella della Nikon D5, che ha 2.4 megapixel. Stranamente è sensibile al tocco solo per impostare il punto di messa a fuoco (che comunque è la funzione più utile che ci sia al tocco), non per ingradire e sfogliare le foto in visualizzazione. Purtroppo non c'è l'evidenziazione delle zone messe a fuoco (cosiddetto focus peaking) e le zone sovraesposte (cosiddetto zebra peaking) ma sono visibili su un monitor esterno collegato alla fotocamera. Nikon
  • GPS: si! La nuova macchina include un GPS (senza bussola magnetica). Molto utile il GPS per evitare di dover registrare la posizione con un altro dispositivo, anche uno smartphone, e poi dover scaricare i dati GPS ed incrociarli con le foto sul PC. Il GPS non è disponibile nella Nikon D5. Canon
  • Raffica: 14 scatti al secondo con la messa a fuoco, più dei 10 della Nikon D5, e fino a 170 scatti RAW con una scheda CFast! Grandissimo buffer quindi, anche se qui Nikon vince con ben 200 scatti RAW in una raffica. Per completezza la Canon può addirittura arrivare a 16 scatti al secondo con lo specchio alzato, ma il mirino rimane nero. La Canon 1D X è sicuramente una super macchina per foto sportive. Canon
  • Video:
    • il debutto del 4K (ultra alta definizione, 4 volte l'HD)! Come nella Nikon D5 ma è meglio nella Canon: c'è un limite di soli 3 minuti di filmato sulla Nikon in 4K e Canon ha anche la modalità con 60 frame al secondo in 4K; ovviamente serve una scheda CFast 2.0. Il formato video per il 4K è basato su foto M-JPEG in modo che sia facilissimo (anche direttamente nella macchina) estrarre i singoli fotogrammi come foto, quindi è come avere uno scatto a raffica a 60 foto al secondo con una risoluzione di 8.8 megapixel (ogni immagine in un video 4K è da 8.8 megapixel), veramente notevole. La registrazione 4K tra l'altro è fatta prendendo la parte centrale dell'immagine sul sensore: la non necessità di interpolare un'immagine più grande (usando tutto il sensore) fa sì che non ci sarà probabilment moiré (il fastidioso effetto di bande colorate sulle immagini a trame fitte); l'utilizzo di una parte del sensore implica anche che di fatto si avrà una focale più lunga, come avere una macchina di formato crop e non più una full-frame. Solo due note finali: filmare a 4K e 60 fps riempie la scheda velocissimamente... fino a 6 GB per minuto di filmato e su 4K non funziona l'uscita HDMI. Canon
    • C'è una modalità full-HD a 120 frame al secondo, per super moviole (non presente su Nikon)! Canon
  • Processore di immagine: due chip DIGIC 6+, dato che i filmati 4K e lo scatto a raffica velocissimo necessita di moltissima potenza elaborativa. Sono poi state migliorate le funzioni di sviluppo da RAW a JPG sulla fotocamera includendo tutte le correzioni dei difetti delle lenti che si fanno sul PC con il software di Canon DPP (distorsione, vignettatura, aberrazione cromatica, bordi colorati). Una nuova funzionalità interessate è una parziale compensazione dell'effetto di riduzione di nitidezza dovuto alla diffrazione quando si scatta con diaframmi molto chiusi.
  • Porte: HDMI, Ethernet (!), USB 3.0 (finalmente), microfono, cuffie...
  • Peso: 1530 grammi batteria inclusa, non è un peso piuma (la Nikon pesa comunque solo 115 gr meno).
  • Durata Batteria: 1210 scatti, la Nikon da' un valore di addirittura 3780 scatti secondo lo standard CIPA. Nikon
  • Prezzo: la EOS 1D X Mark II sarà disponibile dal prossimo aprile con un costo iniziale di 6460 €, mentre la Nikon D5 costerà circa 500 € in più. Canon

Il wifi incorporato non c'è, nemmeno nella Nikon D5.

Sul sito Canon Digital Learning Center, Canon ha pubblicato alcuni interessanti approfondimenti in inglese su specifici aspetti della nuova macchina, nel seguito sono riportati i link:

Aggiungi commento
  • Nessun commento trovato